Lettonia: nuova holding europea

Dal primo gennaio 2013 la Lettonia diviene un’ottimo Paese in cui aprire la vostra Holding europea. Diversamente da altre giurisdizioni, anche più costose, quali l’Olanda, l’Austria e il Regno Unito la Lettonia non impone restrizioni sulle partecipazioni, periodi minimi di partecipazione, tipo di attività e livello di tassazione del Paese in cui viene registrata la società sussidiaria.

Tutti i dividendi sono esenti da ritenute dal primo gennaio 2013.

Con la direttiva sulle sussidiarie europee le ritenute resteranno allo 0% su tutte le società europee o notevolmente ridotta attraverso appositi trattati sulle doppie imposizioni: la Lettonia ne ha in vigore più di 50 con Paesi quali la Bielorussia, l’Ucraina, Kazachstan, Azerbaijan e Russia (in fase di firma per il 2013).

I maggiori vantaggi che di cui si può beneficiare con una holding lettone sono:

  • O% sui dividendi ricevuti da una società lettone da società non residenti (ad eccezione delle società offshore)
  • O% sui capital gains derivanti da vendita di azioni di società non residenti (ad eccezione delle società offshore)
  • O% sui dividendi pagati da una società lettone a società non residenti (ad eccezione delle società offshore)
  • Nessuna restrizione sulle partecipazioni (minimi periodi o percentuali di controllo)

Una tipica struttura madre-figlia potrebbe essere improntata come segue:

FS_HOLDING-STRUCTURE-Latvia-English-1

 

La struttura diventa ancor più interessante quando la società lettone è posseduta da una LLP scozzese che non paga tasse in Scozia e non è considerata offshore nell’ordinamento lettone.

Vi invitiamo a contattarci per una consulenza mirata riguardo le vostre specifiche esigenze imprenditoriali.

Attenzione! Questo articolo è stato pubblicato a aprile 2013 e potrebbero esserci stati degli aggiornamenti a riguardo. In caso di dubbi vi consigliamo di consultare articoli più recenti o di contattarci al Numero Verde. Grazie.

Posted in: