Cipro: quiete dopo la tempesta?

Sono arrivato a Cipro per un viaggio di lavoro proprio lunedì 16 Marzo 2013, quando tutto è iniziato.
Non sono solito dar retta ai giornali che, per loro natura, tendono ad ingigantire gli eventi negativi: di fatto i primi giorni sono stati molto più quieti di quanto non si avvertisse fuori dal Paese.
Voci su ogni tipo di provvedimento, numeri e percentuali hanno fluttuato nell’aria fino a che non è arrivata l’ultima decisione del Parlamento che prevedeva la penalizzazione delle sole due banche in difficoltà: la Marfin Laiki (Banca Popolare) e la Bank of Cyprus.
Di fatto né io né i miei clienti lavoriamo con queste due banche… e ad oggi, venerdì 29, possiamo dire che è andata bene. Per una settimana ancora avremo delle restrizioni sui conti, per evitare fughe di capitali, ma tutto sommato è andata bene.
Come vedete non mi sono addentrato nelle cause di tutto ciò che potrei riassumere in una sola riga: “L’euro è un’esca: dopo un po’ bisogna tirar su la lenza e vedere chi ha abboccato”.
Cipro non è stata la prima e non sarà l’ultima… ma restiamo sui nostri argomenti…

La domanda a questo punto è: Cipro sarà ancora una buona giurisdizione per nuove società nel prossimo futuro?

Il mio parere è positivo.

La tassa sugli utili aziendali sarà un po’ aumentata fino al 12,5% (come l’Irlanda) ma per il resto non vi sono particolari rischi, soprattutto per i piccoli business, anzi, i depositi fino a 100.000€ sono ora protetti per legge: prima non lo erano.
Oggi le banche sono ancora un po’ intasate, proprio perché sono state ferme un bel po’, ma si lavora già benino e non vedo particolari problemi per il futuro: almeno stando ai dati che abbiamo oggi.
Io amo Cipro e la sua gente: persone oneste e instancabili, con un senso etico e morale molto alti: non ho mai avuto collaborazioni così strette e positive come con i miei colleghi ciprioti.

Per tale ragione Cipro per me resta la numero uno.

Per chi fosse un po’ titubante sul sistema bancario cipriota possiamo aprire posizioni in Paesi diversi sia europei che extraeuropei… ma io non rinuncerei alla facilità ed all’elasticità di Cipro solo per motivi finanziari che, lo ricordo, sono solo una piccola parte di un’azienda attiva.

Sono a vostra disposizione per ogni chiarimento in una consulenza dedicata.

 

Attenzione! Questo articolo è stato pubblicato a marzo 2013 e potrebbero esserci stati degli aggiornamenti a riguardo. In caso di dubbi vi consigliamo di consultare articoli più recenti o di contattarci al Numero Verde. Grazie.

Posted in: